Category Archives: esteri

Ripropongo con piacere questo articolo di Wynne Godley, citato dal Keynes blog. È impressionante constatare l’attualità di questo scritto di venti anni fa, per esempio accostandolo alla lettura dell’articolo intitolato “Achtung” di Sefano Feltri, sulla prima pagina del Fatto Quotidiano di oggi, Domenica 13 Maggio 2012.

Keynes blog

L’articolo che pubblichiamo di seguito ha venti anni.  L’autore, Wynne Godley, noto economista britannico Post Keynesiano e collaboratore del Tesoro del Regno Unito, individua i problemi nella costruzione dell’Unione Monetaria a partire dal Trattato di Maastricht. In particolare sottolinea come il Trattato sottintendesse un’impostazione ideologica per la quale gli Stati non devono occuparsi di politica economica e tutto ciò che è richiesto per far funzionare il sistema è una banca centrale, indipendente dalla politica, che si occupi di controllare l’inflazione. L’assenza di un Tesoro federale con un debito pubblico monetizzabile, di un fisco e di un welfare federali, di “stabilizzatori automatici” e trasferimenti tra regioni, porterà inevitabilmente alla rottura dell’Unione monetaria, appena uno dei suoi membri si trovasse in forti difficoltà per qualsiasi motivo. Insomma, quella che segue è la cronaca di un fallimento annunciato.

View original post 1,667 more words

Advertisements

Che schifo.

Sebastián Piñera maschera di Augusto Pinochet (da www.federacionminera.cl)

 

Quando parliamo di libertà di espressione, di pluralismo dell’ informazione e dell’editoria, dell’imporanza strategica della pubblica istruzione e del settore cultura in una democrazia compiuta,  ci potrebbe essere detto che si stiamo affermando dei principi certo molto belli, ma astratti, tutto sommato “un lusso per privilegiati istruiti, che non avendo  necessità più impellenti si crogiolano con il capriccio della libertà delle loro idee (spesso inutili), oppure hanno il tempo e i soldi per andare al teatro.    continua

Ungheria: intervenga la Ue

(di Paolo Flores d’Arcais, il Fatto Quotidiano, Giovedì 5 Gennaio 2012)

“L’Ungheria democratica chiama, l’Europa istituzionale nicchia, fa orecchie da mercante, traccheggia nell’ipocrisia. Ma se i governi europei vogliono trastullarsi in paralizzanti e irresponsabili lungaggini procedurali, è necessario che i cittadini europei facciano della “questione Ungheria” un loro problema e una loro battaglia. Ormai improcrastinabile.        continua

Stanno strangolando Wikileaks

Wikileaks sta per chiudere.  Non ci sono altri modi per dirlo. Ha rotto i coglioni ai governi di mezzo mondo e i potenti si sono vendicati da vigliacchi, tagliando illegalmente tutte le fonti di donazioni online: Visa, MasterCard, PayPal, Western Union, Bank of America (trovate ulteriori dettagli in questo post di Ludovica Amici). continua

Omaggio ad Ali Ferzat

Avrete sentito del disegnatore Siriano Ali Ferzat, le cui dita sono state spezzate a causa di alcune sue vignette un po’ troppo audaci.  continua

L’amaca di Michele Serra

http://www.biagioraucci.com/post/4653883859

Vittorio Arrigoni: restiamo umani


“Cari Hermanos,

il nostro adagio “RESTIAMO UMANI” ,
diventa un libro. continua